La Sapienza di Roma apre le porte al Favi che commenta: “Giusto così”.

alleE’ con grande soddisfazione che scrivo queste righe per autocelebrarmi.
Agli inizi di settembre infatti io Favi avrò il piacere e l’onore di tenere un piccolo intervento filosofico presso l’Università de La Sapienza a Roma. All’interno della presentazione del corso di studi in Analisi e Gestione del Grottesco Moderno farò da testimonial portando in aula le mie esperienze, i miei vizi e le mie virtù e spiegando ai futuri studenti universitari come si sta, come si vive e come ci atteggiamo a Meleta. E questo non può che rendermi felice visto che anche i palazzi più dotti e colti d’Italia si sono accorti del grande lavoro etico, comportamentale e sociologico svolto dal Favi in questi ultimi tempi.
Questo invito mi è arrivato non più tardi di ieri l’altro perchè La Sapienza aveva bisogno di puntare su una faccia nuova dopo il gran polverone mediatico scatenato dall’invito del comandante Schettino che ha partecipato in veste di esperto ad un seminario dal titolo “Dalla scena del crimine al profiling” organizzato nell’ambito del Master in Scienze criminologiche e psicopatologico-forensi della facoltà di Medicina dell’università romana (in particolare non è stata una Lectio magistralis -Lezione del maestro-, ma un breve intervento «tecnico» per spiegare, dal suo punto di vista, cosa è accaduto nella notte del naufragio e sulla gestione di quei momenti di panico).

Bah. Doppio bah.

Che dire, non entro qui nel merito della totale mancanza di qualsiasi tipo di sensibilità nei confronti delle vittime della Concordia e non voglio nemmeno commentare la ganzata promozionale di quel docente che ha invitato il tipo in un aula universitaria: ma la cosa che più mi è sembrata sbalorditiva (e ringrazio di questo spunto il blogger Cassisa) è che gli studenti presenti non abbiamo tirato a Schettino nessun libro di costola, che non abbiano abbandonato l’aula mentre egli parlava e cose del genere.
Il Favi di Meleta non è un super eroe ma quando frequentava l’università, se fosse stato presente a questo seminario, avrebbe agito diversamente. O comunque avrebbe agito.
Una Università non può far insegnare la gestione del panico ad un tizio che attualmente è rinviato a giudizio al Tribunale di Grosseto per il grave disastro della Costa Concordia nel quale sono decedute 32 persone. Ed il professore che ha ideato sta’ roba ha sicuramente una bella botta al naturale.
Ma questo piccolo caso di cronaca vergognosa non è niente altro che lo sviluppo della spettacolarizzazione di ogni attimo della vita moderna: siamo circondati dal sensazionalismo, la normalità è ormai cosa rara e mai enfatizzata.

E se un disgraziato come Schettino è andato a fare una lezione in un’aula universitaria, il Favi si merita una cattedra (e come lui tanti altri).
Meleta, feudo di normalità, è pronto a dare battaglia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...